Atterrato a Gorizia il grande "Raid Italiano" dei VDS
Monday 26 May 2008
Il 14 maggio sono atterrati nell’aeroporto di Gorizia e ripartiti all’indomani oltre sessanta ultraleggeri partecipanti al grande “Raid italiano” di velivoli VDS (Velivoli da Diporto Sportivo) organizzato dall'ungherese Frank Gyorgy. Dopo lo scalo a Gorizia la flotta, composta da una dozzina di formazioni, si è diretta sulla Slovenia per atterrare a Jakabszàllàs in Ungheria.
In seguito all'entrata in vigore del trattato di Schengen anche nel volo sportivo tra i paesi neocomunitari, l'aeroporto di Gorizia era gia' stato utilizzato nel 1994 per primo in Italia quale scalo per i VDS diretti verso Est.
Il "Duca d'Aosta", e' stato prescelto dagli organizzatori del raid poiche' e' l'unico campo in grado di ospitare un cosi' alto numero di aerei, un numero cosi' alto non si ricorda fin dagli anni '30, ai tempi del "Duca d'Aosta" e del 4° Stormo Caccia.


C’era un altro motivo che ha determinato la scelta dell' aeroporto di Gorizia: per questi velivoli in particolare che operano a quote non elevate, l'unico varco superabile era quello della valle del Vipacco. La limitazione durante gli anni della "guerra fredda", dovuta alle note servitu' militari a tutela di un attacco dalla "Cortina di Ferro", oggi e' una risorsa che fa dell’aeroporto uno scalo ideale per i paesi dell'Est europeo.

Questo raid aereo ricorda quello avvenuto il 14 giugno 1936 in occasione della prima esibizione all'estero della Pattuglia Acrobatica del 4° Stormo Caccia di Gorizia. Il Capo del Governo ungherese, che aveva avuto modo di ammirare i piloti e gli aerei italiani durante una visita in Italia, li invito' a Budapest. Di quel gruppo di dieci piloti del 4° Stormo che si esibirono sul campo di Matyasfold, oggi l'unico superstite e' il novantottenne Raffaele Chianese che vive a Gorizia.
L'evento è stato non solo folcloristico ma ha comportato la presenza di circa un centinaio di visitatori che sono stati sistemati in alberghi della citta' e delle localita' limitrofe a cura delle associazioni presenti sull'aeroporto: Associazione Volo Isonzo, Associazione Paracadutisti d'Italia, Club Frecce Tricolori di Gorizia e Associazione 4° Stormo, che si sono prodigate per dare assistenza agli ospiti.
L'organizzatore dell'evento, Frank Gyorgy, i capiformazione del gruppo ed il rappresentante dell'ENAC, dr. Domenico Rana, sono stati ricevuti dal Sindaco di Gorizia che ha loro dato il benvenuto della città.
 
 
 

Redattore  : Carlo Dedoni

Fonte della notizia : Ufficio Stampa Ass.ne Culturale 4° Stormo - Gorizia
Foto di Carlo D'Agostino

 
 
 
 
 
 
 



Hai trovato interessante questo articolo? Segnalalo!
Digg!Del.icio.us!Google!Facebook!Technorati!Furl!Yahoo!