BEA: il punto sulle ricerche del volo AF 447
Thursday 02 July 2009

Le ricerche per trovare l'Airbus A330 di Air France hanno visto coinvolte le marine frencese, brasiliana, spagnola e americana. Le forze sono state coordinate dal MRCC (Maritime Rescue Coordination Centre) di Recife in quanto l'aereo era scomparso nella sua aerea di responsabilità SAR. Le ricerche SAR si sono concluse venerdì 26 giugno, per nove giorni non sono stati recuperati né corpi né resti dell'aereo. Gli aerei hanno sospeso i loro pattugliamenti, e  anche le navi della marina brasiliana hanno lasciato l'area. Le navi della marina militare francese sono rimaste nella zona per fornire supporto alle operazioni di ricerca dei registratori.

 

 

I marinai delle navi "Ventôse" e "Mistral" hanno recuperato circa 30 corpi tra il 6 e il 7 giugno, i soldati brasiliani hanno recuperato altri venti corpi; tutte le salme sono state quindi trasferite a Recife dove sono state sottoposte ad autopsia. I rottami dell'aereo sono stati rinvenuti tra il 6 e il 20 giugno: i pezzi recuperati dalla marina brasiliana sono stati raggruppati a Recife dove sono stati presi in carico dal BEA che ha proceduto a inventariarli e a esaminarli visivamente. I frammenti recuperati dalla marina militare francese sono stati caricati sulla nave "Mistral". Tutti i rottami verranno trasferiti in Francia per i necessari controlli.
Le ricerche con apprecchiature acustiche per individuare e recuperare i registratori di volo (le cosiddette scatole nere) utilizzano questi mezzi supplementari:

  • Le navi "Fairmount Glacier" e "Fairmount Expedition" della Louis-Dreyfus Armateurs (ADL), che effettuano il traino di idrofoni forniti dalla marina degli Stati Uniti,
  • Il sottomarino "Emeraude" della marina militare francese,
  • La nave oceanografica "Pourquoi Pas?" dell'IFREMER, che trasporta due speciali veicoli di esplorazione e intervento, il sommergibileNautile e il ROV ( Remotely Operated Vehicles) Victor.

Queste navi sono state utilizzate nell'esplorazione della zona dalla metà di giugno. Questa prima fase di ricerche si chiuderà il prossimo 10 luglio, data oltre il limite di esaurimento delle trasmissini degli apparecchi radio. Se i registratori non si trovano entro il 10 luglio verrà avviata una seconda fase di ricerche di un mese. La nave "Pourquoi Pas?" condurrà ricerche utilizzando l'attrezzatura  sonar e da traino e da immersione.

 

 


Redattore  : Carlo Dedoni

Fonte della notizia : BEA - Bureau d’Enquêtes et d’Analyses pour la sécurité de l’aviation civile

 

 




Hai trovato interessante questo articolo? Segnalalo!
Digg!Del.icio.us!Google!Facebook!Technorati!Furl!Yahoo!