ANSV soddisfatta per giudizio favorevole della Corte dei conti
Thursday 06 August 2009

L’Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (ANSV) ha manifesta soddisfazione per il giudizio favorevole sul proprio operato e sulla propria gestione contabile espresso recentemente dalla Corte dei conti nella relazione riguardante il controllo eseguito sulla gestione finanziaria dell’ANSV relativa all’esercizio 2007.
"La relazione della Corte dei conti relativa all’esercizio finanziario dell’anno 2007," ha commentato Bruno Franchi, presidente dell’ANSV, "conferma i giudizi positivi già espressi dalla stessa magistratura contabile nelle relazioni relative agli esercizi precedenti, evidenziando, al contempo, le problematiche di carattere economico in cui versa l’Agenzia, derivanti dalla significativa riduzione del contributo statale."

 

 

La Corte dei conti, in particolare, ha sottolineato come l’ANSV svolga un ruolo fondamentale, che consiste nell’effettuazione di indagini e nella formulazione di raccomandazioni di sicurezza che "incidono in modo determinante sulla sicurezza del traffico aereo e sulle condizioni di sicurezza che presiedono ad un ordinato ed affidabile sistema dell’aviazione civile, in un contesto normativo ed operarativo internazionale."
Sotto il profilo più strettamente amministrativo-contabile, la Corte dei conti da atto che la gestione dell’ente viene assicurata secondo metodi di correttezza giuscontabile. Inoltre, apprezza positivamente il ricorso assai contenuto allo strumento consulenziale a supporto delle attività istituzionali.
In relazione alle problematiche di bilancio, la Corte dei conti ha evidenziato (come già fatto dalla stessa ANSV nei propri Rapporti informativi annuali) che: "La graduale erosione delle economie di bilancio originariamente realizzate, con il conseguente attingimento delle risorse sui risultati di amministrazione, comporta l’esigenza di una valutazione realistica e di una riconsiderazione delle risorse occorrenti per un integrale e soddisfacente adempimento dei compiti, anche in termini di tempestività, così come per la corretta allocazione delle spese del personale, i cui oneri devono trovare integrale copertura nel contesto delle spese correnti."
Per quanto concerne in particolare proprio gli oneri per il personale, la Corte dei conti dà atto che la contrattazione integrativa in materia di compensi relativi alla quota individuale incrementativi della produttività è stata ricondotta a principi di ottimizzazione dell’efficienza gestionale.

 

 

 


Redattore  : Carlo Dedoni

Fonte della notizia : Ufficio Stampa ANSV

 

 

 




Hai trovato interessante questo articolo? Segnalalo!
Digg!Del.icio.us!Google!Facebook!Technorati!Furl!Yahoo!