L'aeroporto di Pisa ospita la prima uscita dell'Associazione Internazionale “Appia Egnatia Festival”
Friday 26 March 2010
Si è svolta questa mattina presso l'aeroporto Galilei di Pisa, sala stampa SAT, la prima uscita ufficiale dell'Associazione Internazionale “Appia Egnatia Festival” (AE) che ha già richiamato al suo interno diversi esponenti di spicco provenienti dal mondo della Medicina, Lettere, Storia, Archeologia, oltre a figure rappresentanti il Teatro, la Musica e lo Sport. L'aeroporto divenda quindi anche elemento propulsore per progetti turistico-culturali che hanno l’obiettivo primario di consolidare gli scambi tra le nazioni dell’area mediterranea.
 
 
 

“Il nostro progetto," afferma il M° Angelo Cavallaro, presidente dell’AE, "è quello di stimolare e coordinare le attività Culturali, Accademiche e Museali degli enti posti nelle città attraversate dell’antico percorso Roma-Costantinopoli tracciato dalla via Appia in Italia e dalla via Egnatia nel territorio balcanico. I consensi ottenuti in quasi due anni dedicati a preparativi e contatti capillari , hanno già portato a significativi patrocini tra cui quello del Ministero della Cultura Greca e dell’Università di Pisa. Anche il Ministero dei Beni Culturali ed il Ministero degli affari Esteri Italiani si accingono a concedere il patrocinio mentre sono in atto le procedure ottenerlo anche dai Ministeri competenti di Turchia ed Albania, nazioni, quest’ultime che come in Grecia, già accolgono e sostengono deputazioni operative della nostra associazione”. 
Il programma degli eventi AE per il 2010-11, in corso di ultimazione, sarà presentato entro la fine di settembre nelle capitali dei vari paesi collegati attraverso l’Antica “Regina Viarum”.
Il Presidente di SAT Costantino Cavallaro ha poi concluso: “La Società Aeroporto Toscano è sempre lieta di poter promuovere iniziative come quella dell’Appia Egnatia Festival che mirano tra l’altro a riscoprire collegamenti culturali tra città e civiltà distanti ma storicamente complementari per cultura, commercio e tradizioni. La possibilità di seguire rassegne, eventi, manifestazioni da un punto all’altro dell’Europa è oggi una realtà grazie alla maggiore accessibilità al trasporto aereo e a quei collegamenti diretti, quei ponti aerei che portano più vicine destinazioni lontane."

 

 

 


Redattore  : Carlo Dedoni

Fonte della notizia : Ufficio stampa SAT

 

 

 




Hai trovato interessante questo articolo? Segnalalo!
Digg!Del.icio.us!Google!Facebook!Technorati!Furl!Yahoo!