Assegnato in Canada il premo Cormorant all'equipaggio di un elicottero AW101
Monday 05 December 2011
Il salvataggio di un fortunato cittadino della British Columbia che ha visto mettere alla frusta l’addestramento dell’equipaggio e l’elicottero AW101 è risultato vincitore dell’edizione 2011 del Cormorant Trophy for Helicopter Rescue. L’equipaggio di volo del 442 sq. SAR dell’aeronautica canadese basato sull’aeroporto di Comox è il protagonista del salvataggio vincitore del trofeo. Durante la presentazione il generale Natynczyk delle forze aeree canadesi ha affermato: “la dedizione dell’equipaggio è l’esempio dello straordinario livello di professionalità raggiunto. Sappiamo che a volte dobbiamo prendere dei rischi per la sicurezza del popolo canadese”.
La commissione dei giudici del Cormorant Trophy ha riconosciuto che l’equipaggio canadese ha effettuato il salvataggio più impegnativo dell’anno. Il trofeo è presentato annualmente dall’AgustaWestland, la casa produttrice dell'elicottero utilizzato per i reparti SAR canadesi, l'AW101 Cormorant, ed è scelto da una giuria composta da una rappresentanza delle forze aeree canadesi e da giornalisti aeronautici.
 
 
 
Ogni anno i reparti SAR canadesi conducono migliaia di sortite di salvataggio con il Cormorant. La scelta dell’evento più significativo è stata fatta selezionando tra una rosa di 5 salvataggi effettuati da differenti squadroni SAR canadesi.
"In questo salvataggio particolare, quello che spicca è l'altruismo dell'equipaggio, la loro determinazione a salvare una vita, e la fiducia incrollabile e la fiducia che avevano in se stessi e il loro elicottero per portare a termine la missione felicemente", ha detto un giudice della commissione esaminatrice.
La notte del 23 dicembre 2010, il
velivolo AW101 Cormorant con nominativo radio “Rescue 907” operativo presso il 442 Squadron, basato presso l’aeroporto militare di Comox, è chiamato a prestare soccorso a un uomo di 23 anni bloccato su un lato scosceso delle Hat Mountain nel Cyprus Provincial Park, British Columbia. L'equipaggio ha approntato in una corsa contro il tempo il velivolo a causa dell’avvicinarsi di una tempesta invernale. Se non si fosse ricorso al soccorso aereo l'uomo sarebbe stato per giorni isolato senza provviste. L'escursionista si trovava bloccato a 1.600 metri di quota in una ansa stretta e ripida. Mentre l’ elicottero AW101 "Cormorant" si avvicinava al ferito, è stato colpito da una turbolenza con raffiche di vento di 85 km orari. Ciò ha costretto i piloti a lottare sbalzi di potenza rapida. Utilizzando i visori notturni, il team di ricerca ha iniziato la ricerca.
"Abbiamo raggiunto la posizione stimata dell'escursionista volando lentamente al fianco della montagna", ha detto il capitano Leroux. "Abbiamo dovuto tentare più passaggi fino a quando la visibilità era abbastanza buona sorvolare la posizione dell'uomo."
Ognuno di questi approcci ha spinto l'elicottero al limite. Normalmente, la velocità "massima" e la potenza richiesta per le missioni di un AW101 raggiunge circa l'80%, ma durante questo salvataggio, i valori hanno oscillato fino al 117%. Di fronte al rischio di una valanga, l'equipaggio ha deciso una estrazione veloce utilizzando il verricello SARTech. L'ingegnere di volo ha poi diretto il velivolo a circa sette metri sopra l'escursionista, ha abbassato il SARTech e ha rapidamente agganciato il ferito e gli specialisti soccorritori che quindi sono stati issati a bordo. Durante tutta la procedura, la neve riduceva drasticamente la visibilità dei piloti. Sulla via del ritorno, uno spesso strato di nubi rendeva impossibile il rientro sulla base. Con quasi visibilità zero, l'equipaggio è riuscito ad allontanarsi dalle rocce contando solo sulle strumentazioni di bordo. L'equipaggio ha volato poi verso Lione Bay atterrando in un campo di calcio, dove il ferito è stato trasferito su un'ambulanza per essere portato in ospedale per il trattamento di una lieve ipotermia.
 
 
 

Redattore: Mirko Cerroni

Fonte della notizia: Ufficio Stampa AgustaWestland

 
 



Hai trovato interessante questo articolo? Segnalalo!
Digg!Del.icio.us!Google!Facebook!Technorati!Furl!Yahoo!