Volandia: inaugurato oggi il nuovo padiglione dedicato all'aviazione commerciale
Saturday 05 May 2012
volandia_dc3_dakota.jpgHa aperto i battenti oggi, presso il museo di Volandia, il nuovo padiglione dedicato all'aviazione commerciale.
"Con oggi Volandia davvero decolla," afferma Marco Reguzzoni, presidente della Fondazione Museo dell’Aeronautica. "Abbiamo tenuto fede agli impegni, e la più bella soddisfazione è il grande apprezzamento del nostro pubblico. Un grazie dunque a tutti quelli che gratuitamente si impegnano con passione e contribuiscono a rendere Volandia il giusto omaggio del nostro territorio alla storia del volo. Le emozioni che provano i visitatori, adulti e bambini, ci gratificano di anni di impegno e passione. Con l'inaugurazione di oggi del nuovo padiglione completiamo un percorso storico importante, e diventiamo il più grande museo del volo del paese e uno dei più importanti d'Europa e del mondo."
 
 
 
Nei nuovi spazi espositivi, che vanno a completare il panorama che il Parco e Museo approfondisce sul mondo del volo e dello spazio, grande attenzione è dedicata alle mongolfiere, dagli albori fino all’aerostatica moderna.
In esposizione la collezione d’arte RE/MAX Caproni curata da Marco Majrani e concessa in comodato gratuito da RE/MAX a Volandia. La rassegna, tra le più importanti e complete al mondo sul ‘volo in pallone’, comprende diversi oggetti rari datati tra la fine del ‘700 e il primo ‘900.
Accanto alla collezione prosegue il focus sulla vita di fabbrica che proprio a Vizzola Ticino si sviluppava: si racconta la storia della Caproni dagli anni ’30 al dopoguerra, si visitano le fabbriche attraverso foto, nomi e ricordi degli operai che proprio qui hanno lavorato. Per provare il brivido della mongolfiera Volandia unisce storia e gioco con il simulatore di volo in mongolfiera e con una vera cesta per riprodurre le sensazioni del volo in pallone.
Pezzo forte delle nuove aree è il Douglas DC-3, uno dei primi e più diffusi aerei adibiti al trasporto pubblico dei passeggeri e l’unico in Italia funzionante esposto al pubblico. Il velivolo, un bimotore di linea sviluppato e prodotto dall'azienda statunitense Douglas Aircraft Company negli anni 30, fu il primo destinato al traffico commerciale su rotte a breve e medio raggio e aprì così la strada al trasporto aereo sostituendo rapidamente i treni.
Le nuove aree proseguono con il riallestimento di velivoli che hanno vissuto alcune tra le più grandi sfide della storia come il Bleriot XI protagonista della gloriosa impresa di Geo Chavez che racconta la trasvolata delle Alpi, il Gabardini Idrovolante ambientato nelle acque varesine e i mock up dell’MC 202 e MC 205 in un suggestivo diorama dedicato alla seconda guerra mondiale.
Nuova sistemazione anche per il Ro37bis dell’Aeronautica Militare, un velivolo da osservazione degli anni 30, recuperato nella periferia a nord est di Kabul. Il pezzo, temporaneamente a Volandia, è l’unico esemplare al mondo ad essere restaurato ed esposto al pubblico.
Inoltre viene esposto il simulatore originale di Airbus 300 impiegato nel centro di addestramento Alitalia per l’addestramento dei piloti fino al 1997, con un totale di 32.600 ore di volo accumulate. Sui soppalchi vengono raccontate le divise dagli anni ’50 ad oggi attraverso le pubblicità d’epoca -con le più celebri reclame che raffigurano uniformi disegnate dagli stilisti italiani più famosi- e alcune delle divise degli anni ’80 e ‘90 di Alitalia, Japan Airlines, Air Europe, Air Italy, Neos e Meridiana.
Il nuovo percorso espositivo attraversa infine il laboratorio dell’Associazione Ali Antiche, dove vengono restaurati e ripristinati dai volontari oggetti e velivoli per poi essere esposti.
“Frutto di una importante collaborazione con Sea, compagnie aeree, Re/Max e la famiglia Caproni, questo nuovo padiglione," afferma il direttore di Volandia Francesco Reale, "è un percorso unico e affascinante che racconta la storia di questi luoghi e dell’aviazione commerciale attraverso oggetti, video, immagini, divise legati da un unico filo conduttore: il sogno del volo”.
 
 
 

Redattore: Carlo Dedoni

Fonte della notizia: Ufficio Stampa Volandia
Foto: Ufficio Stampa Volandia

 
 



Hai trovato interessante questo articolo? Segnalalo!
Digg!Del.icio.us!Google!Facebook!Technorati!Furl!Yahoo!