Blocco alle visite in aeroporto per l'Associazione Clipper, quale futuro per lo spotting in Italia?
Monday 14 May 2012

Nei giorni scorsi, sui social network e nei vari siti web di riferimento per gli appassionati italiani di aviazione e spotting si è diffusa una notizia, piuttosto allarmante per noi appassionati, n merito al blocco delle ormai storiche visite all'aeroporto di Milano Malpensa dei soci dell'Associazione Clipper - Associazione Italiana Amici dell'Aviazione. Tale blocco si è reso necessario in seguito ell'emissione, da parte dell'ENAC, del nuovo Piano di Sicurezza Aeroportuale che sostanzialmente preclude le visite all'interno delle aree aeroportuali. Crediamo sia importante dare dissusione a questa notizia in quanto, oltre all'Associazione Clipper, interessa tutti gli appassionati di aviazione in Italia.
Per leggere la lettera/comunicato del presidente di Clipper sulla vicenda è sufficiente cliccare questo link.
Chi desidera esprimere la propria opinione sulla vicenda o avere ulteriori informazioni può visitare anche il gruppo Facebook dell'Associazione Clipper .

 

 

L'aircraft spotting, o semplicemente spotting, è un hobby che in Italia conta un crescente numero di praticanti uniti dalla passione per la fotografia e dall'amore per il volo e l'aviazione.
In molti paesi europei e nel mondo lo spotting è un'attività perfettamente integrata nell'ambiente aviatorio e
nella vita degli aeroporti nei quali, tra l'altro, sono presenti anche strutture dedicate all'accoglienza degli spotters che offrono punti di vista sulle piste assolutamente sicuri e controllati. In queste realtà lo spotting rappresenta un vero valore aggiunto per gli stessi aeroporti oltre che per gli appassionati che desiderano fotografare gli aerei.
A nostro avviso, la possibilità di effettuare visite guidate presso le strutture aeroportuali e la realizzazione di aree dedicate allo spotting anche nel nostro paese rappresenterebbe un'opportunità di crescita economica e culturale e avvicinerebbe la struttura aeroportuale al territorio e alla gente che lo popola. 

Per questo riteniamo doveroso appellarci alle autorità competenti affinché venga presa in considerazione la revisione dei provvedimenti che, allo stato attuale, bloccano le visite guidate all'interno degli aeroporti. 

 

 




Hai trovato interessante questo articolo? Segnalalo!
Digg!Del.icio.us!Google!Facebook!Technorati!Furl!Yahoo!