Firmato l'accordo ENAV-SAVE per ottimizzare i flussi di traffico dell'aeroporto veneziano
Monday 17 September 2012
SAVE, la società che gestisce l’aeroporto di Venezia, ed ENAV, la società nazionale per l’assistenza al volo, hanno firmato oggi un accordo di cooperazione ed un memorandum d'intesa. L’accordo tra le due società mira a realizzare attività di coordinamento e cooperazione per incrementare la capacità e le performance complessive del sistema aeroportuale veneziano e istituisce inoltre uno Steering Committee che assicuri l’effettività dell’accordo. Il memorandum, invece, è teso all’attuazione del programma A-CDM (Airport Collaborative Decision Making) che ha per scopo il miglioramento della gestione dei flussi di traffico nel sistema aeroportuale di Venezia e l’ottimizzazione dei processi legati all’utilizzo delle infrastrutture e delle risorse aeroportuali. Si tratta di una piattaforma informatica che viene condivisa da tutti i soggetti coinvolti nel processo operativo, finalizzata ad ottimizzare la gestione dei voli per migliorare i tempi di rotazione e l’assistenza degli aerei a terra.
 
 
 
In Italia l’A-CDM sarà sperimentato, oltre che a Venezia (dove sarà realizzato nel 2013), anche a Malpensa, Linate e Fiumicino, mentre è già attivo in altri aeroporti europei, fra cui, Monaco, Francoforte, Parigi e Bruxelles dove sono stati raggiunti importanti risultati quali: riduzione dei ritardi, miglioramento nella pianificazione delle partenze, aumento della prevedibilità degli eventi, miglior uso degli slot e ottimizzazione dell’utilizzazione di tutte le risorse aeroportuali. "Ciò consente concreti benefici per gestore aeroportuale, vettori aerei, fornitori di servizi di controllo del traffico aereo e fornitore di servizi di assistenza a terra." dichiara un comunicato stampa di ENAV "L’accordo e il memorandum tra SAVE ed ENAV nascono dall’esigenza di migliorare l’operatività del sistema aeroportuale veneziano e rendere quanto prima operativo il progetto di Airport Collaborative Decision Making che, secondo le indicazioni date da Eurocontrol, e raccolte dalla Commissione Europea, a tutti i fornitori europei di servizi alla navigazione aerea, dovrà essere completato nell’ambito delle tempistiche del Cielo Unico Europeo".

 

 

 


Redattore: Elisabetta Puggioni

Fonte della notizia: Ufficio Stampa ENAV

 

 

 




Hai trovato interessante questo articolo? Segnalalo!
Digg!Del.icio.us!Google!Facebook!Technorati!Furl!Yahoo!