Progetto "Volare sicuri": piloti militari e civili a convegno a Pratica di Mare
Saturday 19 October 2013
convegno_imc_a_pratica_di_mare.jpg
Lo scorso giovedì 17 Ottobre, si è svolto presso l’aeroporto militare di Pratica di Mare un seminario sul tema del "disorientamento in volo" promosso dall'Istituto per la Difesa e l'Aerospazio (IDEAE) nell’ambito del progetto "Volare sicuri", organizzato in collaborazione con il Centro Sperimentale Volo (CSV) dell’Aeronautica Militare per promuovere la cultura aeronautica e della sicurezza del volo nell’ambiente dell’aviazione generale e del volo da diporto sportivo.
A dare il benvenuto ai partecipanti, un centinaio di piloti dell’aviazione generale e da diporto sportivo, alcuni dei quali giunti sulla base aerea laziale a bordo del proprio ultraleggero o bimotore, è stato il Comandante del CSV, Generale di Divisione Aerea Fabio Molteni, cui ha fatto seguito, per l’IDEAE, l’apertura dei lavori da parte del Generale Carlo Landi, ora in quiescenza ma già sperimentatore dell'Aeronautica Militare ed ex direttore dell'Aeroclub d'Italia.
L’iniziativa ha visto coinvolte diverse professionalità dell’Aeronautica Militare, piloti sperimentatori ed esperti in medicina aero-spaziale, meteorologi e controllori del traffico aereo, per un confronto operativo e scientifico su uno dei fenomeni più insidiosi in cui si può incorrere involontariamente durante il pilotaggio, soprattutto di quei velivoli con ridotta strumentazione di bordo, ovvero quello del disorientamento in volo in condizioni di scarsa o assente visibilità, quelle che in gergo tecnico vengono denominate IMC, Instrument Meteorological Conditions. 
 
 
 
In particolare, il seminario ha avuto inizio con l’intervento del Colonnello Marco Lucertini, Comandante del Reparto Medicina Aeronautica e Spaziale (RMAS) del CSV, che ha tenuto una presentazione sull'aero-fisiologia del sistema di orientamento umano e gli aspetti connessi con il volo, seguita dagli interventi di due piloti collaudatori del Reparto Sperimentale Volo (RSV) e del Comandante Tamburini.
L’occasione è stata preziosa per condividere le nozioni e le esperienze addestrative ed operative più significative maturate in ambito internazionale sul tema, apprendere gli aspetti aero-fisiologici che rendono tali condizioni di volo così delicate e approfondire insieme suggerimenti e tecniche per affrontare gli errori più comuni che si commettono e le problematiche ad esso connesse.
I lavori si cono conclusi con l'intervento del Tenente Colonnello Guido Cante, del Centro Nazionale di Meteorologia e Climatologia Aeronautica (CNMCA), che ha illustrato ai presenti come leggere e interpretare le previsioni, dove trovarle e come evitare le condizioni di IMC.
I partecipanti, durante il prosieguo della giornata, hanno avuto la possibilità di provare il simulatore di disorientamento spaziale, una delle apparecchiature che il Reparto di Medicina Aerospaziale del Centro impiega per riprodurre e studiare tutte le condizioni estreme a cui può essere sottoposto il corpo umano durante il volo, nonché assistere presso il 14° Stormo ad un briefing sulla figura del controllore di volo, quale ausilio nell’IMC accidentale, tenuto da personale dell’Ente Nazionale di Assistenza al Volo (ENAV) e da personale controllore del traffico aereo dell’A.M..
La giornata si è conclusa con una visita in linea volo al tanker KC-767 A e al simulatore di volo, e la consegna degli attestati da parte del Generale Landi ai partecipanti.
 
 
 
 

Redattore: Carlo Dedoni

Fonte della notizia: Ufficio Pubblica Informazione Aeronautica Militare
Foto: Ufficio Pubblica Informazione Aeronautica Militare 

 
 



Hai trovato interessante questo articolo? Segnalalo!
Digg!Del.icio.us!Google!Facebook!Technorati!Furl!Yahoo!