Si tenuto a Roma un Convegno del COI sullo stato dell'arte delle operazioni STRATEVAC e MEDEVAC
Thursday 30 October 2014
manifesto.jpg
Nell'ambito delle attività organizzate dal Comando Operativo di Vertice Interforze (COI), lo scorso 27 ottobre, è stato promosso un importante evento di Medicina Aeronautica che ha affrontato la tematica dell'evacuazione medica nei teatri operativi. 
All'evento hanno partecipato più di cento tra medici, veterinari ed infermieri civili e militari provenienti da tutta Italia. La difesa ha già organizzato analoghe iniziative nelle basi aeronavali della Stazione Elicotteri di Luni-Sarzana (2008 e 2009) e presso l'aeroporto di Grottaglie (2010). L'ultima edizione ha avuto luogo a Roma nella sede del COI, inserita nella prestigiosa cornice del più antico aeroporto italiano, oggi dedicato al Pilota Francesco Baracca, l'aeroporto di Centocelle.
Le massime autorità militari e sanitarie delle forze armate e dei corpi ausiliari, insieme al Capo Dipartimento della Protezione Civile ed al Direttore Generale del Centro Nazionale Trapianti hanno fatto parte del Comitato d'Onore. Presidente della manifestazione è stato il Comandante del COI, Generale di Corpo d'Armata Marco Bertolini, mentre, per il particolare campo specialistico in Medicina Aeronautica, il Direttore Scientifico è stato individuato nel Capo del Corpo Sanitario Aeronautico e nuovo Ispettore Generale della Sanità Militare, Generale Ispettore Capo Enrico Tomao. Il Convegno Scientifico ha ottenuto il patrocinio dell'Associazione Italiana di Medicina Aeronautica e Spaziale (AIMAS), associazione scientifica costituita il 30 maggio 1952 e completata con la connotazione Spaziale nel 1963.
 
 
 
"Il COI si è fatto promotore ed organizzatore del Convegno," spiega una nota, "perché elemento fondamentale di comando e controllo, a vario titolo, nelle evacuazioni sanitarie con mezzo aereo nelle missioni all'estero. Il coordinamento e la pianificazione del trasporto medico con mezzo aereo dai teatri operativi è compito precipuo del COI attraverso l'attività h24 delle divisioni Joint Medical e Joint Movement Coordination Centre con l'insostituibile apporto della sala operativa."
Nel corso di 12 anni sono state effettuate quasi 2900 Strategical Evacuation (STRATEVAC) dai reatri al Role 4 Nazionale (Policlinico Militare di Roma) con il coinvolgimento delle forze armate. Anche l'effettuazione delle Medical Evacuation (MEDEVAC) in teatro vede il COI protagonista nella definizione delle procedure da seguire attraverso le Direttive Operative Nazionali (DON) che, recependo le Pubblicazioni Internazionali, sono poi contestualizzate dalle Standing Operating Procedures (SOP).
"La corretta applicazione delle procedure operative affinate attraverso una decennale analisi ed implementazione delle lessons learned," prosegue la nota, "garantisce l'effettuazione di un primo soccorso, la realizzazione ininterrotta delle cure più appropriate durante il trasporto, l'arrivo in tempo utile in un'adeguata area di trattamento sanitario, secondo la regola della vigente dottrina del 10.1.2 (primo intervento in 10' dall'evento, evacuazione in sicurezza entro 1 ora, intervento curativo anche chirurgico entro 2 ore)." La giornata di studio ed aggiornamento si è distinta per le sue peculiarità rimaste inalterate nelle varie edizioni: lo svolgimento presso un ambiente operativo, con la possibilità di integrare esperienze sanitarie con valutazioni prettamente militari operative; la dimensione Joint: la realizzazione pronta ed efficace di un trasporto sanitario è indice di una elevata collaborazione ed integrazione Interforze.
Il convegno si poneva come obbiettivi principali: la creazione di un momento di aggiornamento per il personale sanitario in una tematica di notevole rilevanza per la sicurezza sanitaria nei T.O., con l'acquisizione da parte dei congressisti di sette crediti formativi obbligatori nel programma di Educazione Continua in Medicina attraverso l'accreditamento dell'evento al Ministero della Salute con l'Istituto di Perfezionamento ed Addestramento in Medicina Aeronautica e Spaziale (IPAMAS) Provider unico dell'A.M. ; il confronto delle esperienze nel campo anche di realtà esterne alla Difesa (Centro Nazionale Trapianti, Protezione Civile, Servizio Sanitario dell'Alitalia, Università di Roma "La Sapienza" Dipartimento di Medicina Legale) cercando di valorizzare le reciproche complementarietà e peculiarità; la valorizzazione presso i media dell'operato della Difesa e del COI in questo campo strategico sottolineando la dimensione dual use del Sistema di Trasporto Sanitario militare con mezzo aereo quale espressione di eccellenza del Sistema Paese.
Dopo l'inquadramento sulle tematiche medico-legali del trasporto sanitario trattato dalla Lectio Magistralis del Prof. Stefano Conti del già Dipartimento di Medicina Legale dell'Università di Roma "La Sapienza", si è approfondita l'attività di MEDEVAC e STRATEVAC svolta nelle diverse missioni nell'ultimo decennio dalle forze armate e dai corpi ausiliari, comprendendo anche l'evacuazione sanitaria veterinaria; sono stati, poi, toccati argomenti di particolare attualità come il trasporto in biocontenimento di pazienti affetti da malattie altamente diffusive (assetto di eccellenza offerto dall'Aeronautica Militare), le MEDEVAC di massa in caso di catastrofe naturale, il contributo del trasporto aereo civile nel trasporto di grandi numeri di persone nelle maxiemergenze sanitarie, il tutto inquadrato in una revisione normativa e procedurale in ambito NATO e dell'Unione Europea.
Infine una Lectio Magistralis del Direttore del Centro Nazionale Trapianti (CNT), Alessandro Nanni Costa, ha trattato la rete del Centro con la sua efficace integrazione operativa con il trasporto sanitario aereo, sicura garanzia di successo ed indice dell'elevato standard di assistenza offerta alla popolazione italiana.
 
 
 
 
 

Redattore: Carlo Dedoni

Fonte della notizia: Comando Operativo di Vertice Interforze - Divisione JMED

 
 
 
 



Hai trovato interessante questo articolo? Segnalalo!
Digg!Del.icio.us!Google!Facebook!Technorati!Furl!Yahoo!