L'aeroporto di Torino chiude l'anno con il segno positivo
Thursday 08 January 2015
In una nota SAGAT, società che gestisce l'aeroporto di Torino, rende noto che lo scalo del capoluogo piemontese è tornato a crescere dopo due anni che avevano registrato un segno negativo.  Il 2014 si è infatti chiuso con +8,6 % di passeggeri (quasi il doppio della crescita media nazionale) e sono stati 3.440.00 i passeggeri che hanno scelto lo scalo torinese. 
"Significativo," spiega la nota, "il dato dei passeggeri dei voli internazionali: + 18%. Sono dieci gli hub serviti dalle principali compagnie aeree ( Roma, Parigi, Amsterdam, Monaco, Francoforte, Londra, Bruxelles, Istanbul, Madrid, Barcellona) che permettono di raggiungere tutto il mondo con ottime coincidenze. Attualmente sono 28 le destinazioni servite, di cui 18 internazionali, alle quali si aggiungono altre 4 destinazioni servite da voli di linea dedicati al traffico neve, per un totale di 13 paesi collegati. Ricordiamo le ultime novità della stagione winter: i nuovi collegamenti per Bucarest, Chisinau, Eindhoven e Varsavia, oltre al collegamento con Timisoara che sarà attivo dal 28 marzo." 
 
 
 
Nel 2014 quattro nuove compagnie di linea hanno avviato le proprie attività a Caselle: KLM, Wizz Air, Blue Air, Air Moldova.
"Abbiamo ripristinato tutti i collegamenti con il Sud Italia che Alitalia aveva tagliato come in tutti gli aeroporti del Nord Italia, grazie al nuovo volo per Catania di Blue Air iniziato a novembre con 6 frequenze a settimana, per il quale sono già state annunciate frequenze aggiuntive, e grazie al nuovo collegamento per Palermo di Ryanair che sarà operato sette giorni su sette." Sottolinea la nota della società di gestione aeroportuale. "In Italia, oltre a Roma, Torino è collegata con Napoli, Catania, Palermo, Trapani, Bari, Brindisi, Reggio Calabria, Lamezia Terme, Cagliari. Ryanair, con la nuova rotta per la Sicilia e con le frequenze aggiuntive per Barcellona e per Bruxelles Charleroi, diventa nel 2015 il primo vettore del nostro aeroporto (con il 22,5% del traffico). Tale crescita costante è frutto di un solido sviluppo avvenuto sempre senza contributi pubblici, poiché l'aeroporto di Torino attua le proprie strategie commerciali potendo contare esclusivamente su risorse proprie, chiedendo agli enti locali di attuare politiche di marketing territoriale che concorrano a sviluppare Torino e il Piemonte come mete di incoming turistico."
Relativamente alle cancellazioni dei voli Meridiana per Berlino, SAGAT ha spiegato che si inseriscono in un quadro più ampio di cancellazioni che la compagnia aerea sta attuando in tutti gli scali italiani in cui opera e che scaturiscono dalla nota situazione economica in cui si trova.
"SAGAT," prosegue la nota, "è attualmente al lavoro per individuare un nuovo vettore che possa operare in modo stabile sulla tratta Torino-Berlino, ricordando che le scelte delle compagnie dipendono dalle potenzialità commerciali delle destinazioni stesse e che l'aeroporto può supportarle con operazioni di marketing, come peraltro ha fatto nel caso del volo per Berlino attraverso una capillare campagna di comunicazione. Nelle prossime settimane è già previsto l'annuncio di nuove rotte nazionali e internazionali, che confermeranno il trend di crescita in corso."
 
 
 
 

Redattore: Carlo Dedoni

Fonte della notizia: Ufficio Stampa SAGAT

 
 



Hai trovato interessante questo articolo? Segnalalo!
Digg!Del.icio.us!Google!Facebook!Technorati!Furl!Yahoo!