Lufthansa rende il TaxiBot operativo sullo scalo di Francoforte
Tuesday 24 February 2015
lufthansa_leos_taxibot_a__francoforte.jpg
In seguito all'approvazione dell'European Aviation Safety Agency (EASA), Lufthansa LEOS, società controllata da Lufthansa Technik AG, ha avviato le operazioni con il TaxiBot, il trattore per i rullaggi sviluppato da Israel Aerospace Industries (IAI) in cooperazione con la stessa Lufthansa LEOS. Dopo un'intensa fase di test, il TaxiBot viene impiegato da qualche giorno nelle normali operazioni all'aeroporto di Francoforte. 
Il TaxiBot (NB) per velivoli a corridoio singolo è un trattore ibrido con una potenza di 800 cavalli che viene controllato dal pilota per trainare l'aereo dal gate alle piste senza che l'aereo debba accendere i motori. 
“Il gruppo Lufthansa sta ponendo nuovi standard globali nella mobilità sostenibile. Con innovazioni come il TaxiBot, non solo stiamo aiutando a risparmiare il carburante ma stiamo dando un importante contributo nella riduzione del rumore e dei gas di scarico negli aeroporti,” ha commentato Kay Kratky, membro del Lufthansa German Airlines Board e incaricato Operations & Hub a Francoforte. 
Secondo le stime del vettore tedesco, l'uso del TaxiBot nell'hub Lufthansa a Francoforte può consentire di risparmiare fino a circa 2.700 tonnellate di carburante all'anno. 

 
 
“IAI e il suo partner TLD hanno iniziato a cooperare dal 2007 con LEOS nello sviluppo del TaxiBot, con il supporto sia di Airbus che di Boeing," ha commentato Yehoshua Eldar, IAI Executive VP, e capo dello steering committee del programma TaxiBot. “TaxiBot è l'unica soluzione alternativa per il rullaggio ad essere certificata e operativa. Siamo orgogliosi si aver creato questa rivoluzione innovativa ed ecosostenibile nell'aviazione commerciale e vogliamo ringraziare Lufthansa per il suo fondamentale supporto nei processi di certificazione e validazione del TaxiBot. La famiglia di TaxiBot sta crescendo con i test dei modelli per Wide Body (WB) che potrà essere usato per velivoli molto grandi come i Boeing 747 e gli Airbus A380.
"Non vediamo l'ora di avviare i test di certificazione con un Boeing 747-400 di Lufthansa e continuare la nostra forte e fruttuosa cooperazione con questa importante compagnia di bandiera.” Ha concluso Eldar.
Sulla base di una lettera di intenti firmata lo scorso 20 febbraio tra Lufthansa LEOS e IAI, la nuova fase di test che vedrà l'uso di un Boeing 747-400 della compagnia aerea tedesca verrà completata entro la fine del 2015.
“Lo sviluppo del TaxiBot rappresenta un traguardo nelle operazioni aeroportuali ecosostenibili. L'uso del trattore nelle operazioni reali significa che ora noi stiamo compiendo un ulteriore passo avanti verso l'obiettivo di lungo termine di operare i rulaggi in maniera ecosostenibile fino a un ‘green aircraft handling’,” ha detto Peter Unger, Managing Director di Lufthansa LEOS. 
Uno speciale supporto del TaxiBot per il nose gear registra tutte le sterzate del carrello anteriore dell'aereo e e le trasferisce alle otto ruote del trattore. Questo consente al pilota di far sterzare il trattore direttamente dal cockpit usando il “Pilot Control Mode” dopo il pushback dal gate. I motori dell'aereo possono rimanere spenti fino a quando il TaxiBot non si separa dall'aereo.
 
 
 

Redattore: Carlo Dedoni

Fonte della notizia: Deutsche Lufthansa AG Corporate Communications

Foto: Lufthansa Media Relations - Lufthansa Bildarchiv, FRA CI/P

 
 
 



Hai trovato interessante questo articolo? Segnalalo!
Digg!Del.icio.us!Google!Facebook!Technorati!Furl!Yahoo!