In Italia boom per l'uso dei droni nell'osservazione e gestione del territorio
Thursday 05 March 2015
E’ boom per l’uso dei droni nell’osservazione e nella gestione del territorio in Italia e numerose sono le nuove soluzioni tecnologiche che saranno illustrate durante la conferenza “Droni e telerilevamento”, che si svolgerà a Roma il prossimo 17 marzo. Tra queste, ci sono i droni “FlyGeo” sviluppato dalla start-up romana FlyTop, il multirotore “Scrabble 8HSE” della società ravennate Italdron e l’”SF6”, prodotto dalla società ternana Skyrobotic del gruppo Italeaf.
"Geometri, architetti, ingegneri e addirittura geologi e archeologi fanno a gara nell’utilizzare queste nuove macchine volanti per le proprie attività." Spiega una nota di Roma Drone Conference. "Nonostante i limiti introdotti dal Regolamento dell’ENAC sugli Aeromobili a Pilotaggio Remoto (APR), sarebbero già oltre un migliaio i professionisti che a matita e compasso hanno affiancato le opportunità offerte da sofisticati sensori imbarcati su droni ad ala fissa e rotante. Una vera rivoluzione, che potrebbe cambiare il volto di molte professioni. Un primo bilancio sarà tracciato martedì 17 marzo in occasione della conferenza “Droni e telerilevamento”." 
A questa conferenza, parteciperanno rappresentanti degli ordini professionali, docenti universitari e manager di aziende specializzate che propongono droni e sensori. Saranno anche presentate le prime esperienze “sul campo” nell’utilizzo di questi mezzi per la fotogrammetria e la topografia, la gestione del territorio e di grandi impianti, ma anche per la geologia, l’archeologia, il controllo dei beni culturali e il monitoraggio dell’ambiente. 
 
 
 
Numerose sono le nuove soluzioni tecnologiche che saranno illustrate durante la conferenza. Durante l’evento, saranno pure presentate le novità sviluppate da altre aziende italiane ed estere, come Aibotix Italia, Menci Software, Microgeo, Cloud Cam by Nuovi Sistemi, Geodrones e Terabee.
La conferenza “Droni e telerilevamento. L’utilizzo degli APR per l’osservazione del territorio, il controllo dei beni culturali e il monitoraggio dell’ambiente” è il sesto appuntamento del ciclo “Roma Drone Conference”, organizzato dall’associazione Ifimedia e da Mediarkè. Ha ricevuto numerosi patrocini, tra cui Ministero dell’Ambiente, ENAC, ANSV, CIRA, ENAV, ANCI, oltre agli ordini professionali di geometri, ingegneri e geologi. L’evento sarà trasmesso in streaming sul sito www.lanuovaecologia.it, grazie ad una partnership con Legambiente.
“Il telerilevamento tramite drone sembra essere uno dei settori di punta e con maggiori potenzialità di sviluppo dell’impego di queste nuove macchine volanti a fini professionali”, ha dichiarato Luciano Castro, presidente di Roma Drone Conference. “Molte professioni, come quelle dei geometri o degli ingegneri edili, sono alla vigilia di una vera rivoluzione tecnologica, che vedrà una rapidissima crescita della presenza dei droni in attività classiche come la fotogrammetria e la topografia, ma anche in tutte le operazioni relative al monitoraggio e alla conoscenza del territorio e dell’ambiente. Molto interessanti sono poi le nuove applicazioni per la salvaguardia dei beni culturali e anche per le ricerche archeologiche”.
 
 
 

Redattore: Carlo Dedoni

Fonte della notizia: Ufficio Stampa Roma Drone Conference

 
 
 



Hai trovato interessante questo articolo? Segnalalo!
Digg!Del.icio.us!Google!Facebook!Technorati!Furl!Yahoo!