Incendio a Fiumicino: vettori ed operatori aeroportuali denunciano la latitanza delle istituzioni
Wednesday 27 May 2015
In merito alle conseguenze dell’incendio divampato lo scorso 7 maggio al Terminal 3 dell’aeroporto di Roma Fiumicino, Assaereo, IBAR (Italian Board of Airline Representatives), Assohandler, Comitato Utenti Fiumicino e Airport Operator Commitee, denunciano la latitanza delle istituzioni italiane preposte alla tutela della salute nei luoghi pubblici e nei luoghi di lavoro.
"Dalle analisi effettuate dal gestore aeroportuale, dalle principali compagnie, e dagli operatori presenti sullo scalo, la qualità dell’aria negli ambienti rientra nella norma." Afferma una nota. "Tuttavia a 20 giorni dall’evento non esiste ancora una attestazione ufficiale emanata da un ente pubblico preposto a fugare ogni possibile dubbio in materia. In mancanza di tale pronunciamento, il balletto dei dati ambientali che trapelano a mezzo stampa sta generando gravi ansie e preoccupazioni nei lavoratori. Tale inaccettabile ritardo sta determinando una situazione insostenibile. Quello di Fiumicino è il primo aeroporto italiano e la più importante porta di ingresso nel paese di viaggiatori di provenienza internazionale e intercontinentale. Occorre che le istituzioni preposte si pronuncino al più presto per fare chiarezza e fugare dubbi che rischiano di compromettere seriamente la continuità delle operazioni e il funzionamento dell’aeroporto."
 
 
 

 
 

Redattore: Carlo Dedoni

Fonte della notizia: Assaereo, Ibar, Assohandler, Comitato Utenti Fiumicino, Airport Operator Commitee

 
 
 



Hai trovato interessante questo articolo? Segnalalo!
Digg!Del.icio.us!Google!Facebook!Technorati!Furl!Yahoo!