Aeronautica Militare: in tre giorni effettuate 13 sortite in soccorso alla collettivitā
Monday 25 January 2016
Quello appena trascorso è stato un intenso week end di lavoro per il 31° Stormo dell'Aeronautica Militare, impegnato in diverse missioni di emergenza sanitaria nel territorio nazionale. Già nel pomeriggio di giovedì 21 gennaio, su allerta della Prefettura di Brindisi, la Sala Situazione di Vertice del Comando Squadra Aerea aveva ordinato alla Sala Operativa del 31° Stormo il decollo immediato di un Falcon 900 EASy. La missione prevedeva il trasporto urgente da Brindisi a Bologna di un paziente pugliese colpito da grave aneurisma cerebrale . L’uomo, barellato, viaggiava sotto la costante assistenza di un medico e di un infermiere che ne hanno monitorizzato i parametri vitali durante tutto il volo.
L’indomani il medesimo velivolo ha effettuato altri due trasporti urgenti: la prima missione, da Alghero a Genova, ha consentito il trasporto un bimbo di soli 4 giorni affetto da cardiopatia congenita presso l’aeroporto ligure per successivo trasferimento all’Ospedale Gaslini. Il piccolo, in imminente pericolo di vita, viaggiava accompagnato dalla madre e da personale sanitario che ha assistito il paziente per tutta la durata del volo. A seguire il Falcon 900 EASy è nuovamente decollato da Ciampino alla volta di Torino dove ha imbarcato un’équipe medica e l’ha trasportata a Bari, dove la squadra doveva effettuare un espianto di organi. Il velivolo è rimasto in aeroporto in attesa dell’équipe  che dopo circa 5 ore è tornata con l’organo espiantato ed è stata immediatamente ritrasportata a Torino per successivo trapianto dell’organo stesso.
Gli stringenti tempi di sopravvivenza dell'organo espiantato hanno imposto, sia all'equipe medica che all'equipaggio di volo, di operare con la massima rapidità ed efficienza per portare a termine la missione con successo.
 
 
 
Una volta terminata la missione, il velivolomilitare ha fatto rientro a Ciampino nella mattinata di sabato 23 gennaio, ma subito dopo un nuovo trasporto sanitario d’urgenza è stato richiesto dalla Prefettura di Brindisi ed ordinato dalla Sala Situazione di Vertice.  L’aeroplano è quindi nuovamente decollato verso il capoluogo brindisino per imbarcare una donna di 60 anni affetta da grave scompenso cardiaco che viaggiava barellata e doveva essere trasferita presso l’aeroporto di Milano Linate. A destinazione, un’ambulanza dell’Ospedale Niguarda era in attesa per prelevare la paziente e garantire il successivo ricovero presso il nosocomio meneghino.
I velivoli del 31° Stormo sono impiegati in attività di Trasporto Alte Cariche dello Stato, Trasporto Sanitario d’Urgenza, Trasporto organi o equipe mediche, Missioni umanitarie. Inoltre, intervengono secondo necessità in caso di calamità naturale.
Il loro raggio di azione si estende ovunque nel mondo e la loro operatività è garantita 365 giorni all’anno, 24 ore su 24, con sole due ore di preavviso.
 
 
 
 

Redattore: Carlo Dedoni

Fonte della notizia: Ufficio Pubblica Informazione Aeronautica Militare
Foto: Aeronautica Militare- Laboratorio Fotografico 31° Stormo

 
 
 



Hai trovato interessante questo articolo? Segnalalo!
Digg!Del.icio.us!Google!Facebook!Technorati!Furl!Yahoo!