Programma F-35: configurazione finale per i software 2B e 3i
Tuesday 10 May 2016
Il Joint Program Office (JPO) del programma F-35 ha completato lo sviluppo del software che l’U.S. Air Force utilizzerà per dichiarare l’Initial Operational Capability quest’anno. Il software Block 3i conferisce agli F-35 la capacità bellica iniziale con un hardware avanzato. 
Al 1 maggio il programma F-35 aveva superato le 100 ore di volo con il software 3i, mostrando un livello di stabilità circa due volte superiore rispetto al software Block 2B utilizzato in precedenza e tre volte più stabile del software originale 3i. L’aggiornamento della flotta di F-35 (velivoli dei lotti LRIP 6, 7, e 8) da parte del JPO con il software 3i è stato avviato dalla settimana del 9 maggio. Lo stesso livello di stabilità e di efficacia in missione sono stati ottenuti con una nuova versione del software Block 2B, a beneficio delle prime flotte di velivoli. La nuova versione del software 2B sarà utilizzata per l’aggiornamento dei velivoli dei lotti 2-5 dalla fine di maggio. L’intera flotta di velivoli F-35 sarà aggiornata con queste due nuove versioni del software entro la fine dell’anno solare 2016. 
La conclusione della fase di sviluppo dei Block 2B e 3i e i test in corso permettono al programma F-35 di concentrarsi sul completamento del Block 3F – il software della Full Warfighting Capability. Gli avanzamenti dei Block 2B e 3i sono stati trasferiti al Block 3F, e tutti i velivoli destinati alle attività di sviluppo e di test sono stati aggiornati al Block 3F. Questo permetterà all’intera organizzazione di focalizzarsi sullo sviluppo e sui test della capacità finale del Block 3F, avvicinando la conclusione della fase di Sviluppo e Dimostrazione - SDD.

 


 
 

Redattore: Carlo Dedoni

Fonte della notizia: Ufficio Stampa Lockheed Martin Corporation 

 
 
 



Hai trovato interessante questo articolo? Segnalalo!
Digg!Del.icio.us!Google!Facebook!Technorati!Furl!Yahoo!