Aeronautica Militare: doppia missione salvavita per l'equipaggio di un Falcon 900 del 31 Stormo
Friday 28 April 2017
dassault_falcon_900ex_aeronautica_militare_in_volo_sul_mare.jpg
Doppio trasporto sanitario d'urgenza, ieri per un velivolo Falcon 900 del 31° Stormo dell’Aeronautica Militare che ha concluso due missioni in favore di due giovanissimi pazienti.
La prima missione ha visto il trasporto urgente, da Cagliari a Pisa, di una paziente di 12 anni, in imminente pericolo di vita. Il velivolo, su ordine della Sala Situazioni di Vertice del Comando Squadra Aerea dell’Aeronautica Militare, è decollato dall’aeroporto di Cagliari dove ha imbarcato la piccola paziente ed una equipe medica per l’assistenza sanitaria durante il volo e ripartire immediatamente alla volta di Pisa, da dove la ragazza è stata trasferita a bordo di una ambulanza all’Ospedale del Cuore Pasquinucci di Massa Carrara. Il trasporto d’urgenza, come accade in questi casi, era stato richiesto dalla Prefettura di Cagliari, attivata dall’Azienda Ospedaliera Brotzu di Cagliari a causa delle critiche condizioni di salute della giovane. 
Dopo aver completato nel primo pomeriggio il trasporto sanitario d'urgenza, il Falcon 900 è stato nuovamente attivato dalla Sala Situazione di Vertice del Comando Squadra Aerea dell'Aeronautica Militare per effettuare un ulteriore volo salvavita in favore di un tredicenne in imminente pericolo di vita.  Nonostante l'aeroporto di Reggio Calabria, investito da una nube di cenere vulcanica, fosse chiuso al traffico aereo civile dalle prime ore della giornata, il velivolo militare è comunque decollato dall'aeroporto di Pisa alla volta dello scalo calabrese in considerazione delle critiche condizioni in cui versava il paziente.

 
 
Una volta raggiunto l'aeroporto reggino, riaperto durante il volo, l'equipaggio è atterrato permettendo così l'imbarco del paziente sul Falcon 900 Easy.
Completate le procedure d'imbarco, il velivolo è decollato nel tardo pomeriggio alla volta dell'aeroporto Ronchi dei Legionari di Trieste, dove un'ambulanza era ad attendere il bambino per il successivo trasferimento in ospedale.
Qualora lo scalo reggino non fosse stato ripristinato per tempo, l'equipaggio avrebbe applicato particolari procedure operative esclusive per i traffici militari in condizioni di priorità per atterrare in sicurezza sull'aeroporto. Di fatto il velivolo militare è stato l'unico aeromobile ad atterrare sull'aeroporto calabrese nella giornata di ieri.
Gli equipaggi dell'Aeronautica Militare si addestrano continuamente proprio per poter effettuare ed assicurare voli in completa sicurezza anche in condizioni meteorologiche o atmosferiche marginali. L'uso dei simulatori di volo e le ore di volo d'addestramento sono pertanto strumenti di assoluta rilevanza per mantenere elevati gli standard di preparazione degli equipaggi di volo militari.
 
 
 

Redattore: Carlo Dedoni

Fonte della notizia: Ufficio Pubblica Informazione Aeronautica Militare
Foto: Ufficio Pubblica Informazione Aeronautica Militare 

 
 



Hai trovato interessante questo articolo? Segnalalo!
Digg!Del.icio.us!Google!Facebook!Technorati!Furl!Yahoo!