Nel 156° Anniversario dell'Esercito conferita medaglia d’Argento al Valore a un sottufficiale AVES
Friday 05 May 2017
il_presidente_mattarella_conferisce_la_medaglia_dargento_al_valore_dellesercito_al_sergente_gabriele_pizzichetti.jpg
In occasione del 156° Anniversario della costituzione dell'Esercito Italiano, si è svolta una cerimonia militare presso l'Ippodromo Militare "Generale Pietro Giannattasio" di Tor di Quinto, alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, del Ministro della Difesa Roberta Pinotti, del Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Claudio Graziano e del Capo di Stato Maggiore dell'Esercito, Generale di Corpo d'Armata Danilo Errico. Presenti anche le più alte autorità civili, religiose e militari dello Stato.
Nel corso della cerimonia il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, ha conferito la Medaglia d’Oro al Valor Civile alla Bandiera di Guerra dell’Esercito, per il sacrificio e l’impegno profusi da migliaia di uomini e donne della forza armata che con il loro operato hanno contribuito a salvare vite umane e a ripristinare la sicurezza in quelle aree dell’Italia centrale colpite dalle nevicate e dal terremoto dello scorso anno.
Il Presidente della Repubblica ha inoltre concesso importanti onorificenze a ufficiali, sottufficiali e graduati dell’Esercito che si sono resi protagonisti di particolari atti di valore nell’assolvimento dei loro doveri in missioni internazionali all’estero. Tra questi, il Sergente Gabriele Pizzichetti, nato a Viterbo, al quale è stata conferita la medaglia d’Argento al Valore dell’Esercito.

 
 
Il sottufficiale, all’epoca dei fatti mitragliere di elicottero da trasporto, partecipava a un’attività di infiltrazione di Forze Speciali italiane e afghane nel distretto di Shindand (Afghanistan) quando l’aeromobile sul quale era a bordo cominciò a essere bersagliato da pesante fuoco nemico. Individuata la provenienza dei colpi nemici e incurante dei proiettili che lambivano l’elicottero, rispondeva facendo fuoco di copertura con la propria mitragliatrice di bordo e proteggendo così i colleghi dispiegati sul terreno durante le operazione di reimbarco.
L’Esercito conta oggi più di 4.000 militari schierati in 14 diversi paesi come, Iraq, Libano, Afghanistan, Kosovo, Libia, Somalia e Mali, con compiti che vanno dalla cooperazione allo sviluppo e sostegno ai processi di stabilizzazione e ricostruzione, sino all’addestramento delle forze di sicurezza locali, vale a dire quella gamma di attività nota come Security Force Assistance (SFA).
 
 
 
 

Redattore: Carlo Dedoni

Fonte della notizia: Ufficio Pubblica Informazione e Comunicazione Esercito Italiano
Foto: Ufficio Pubblica Informazione e Comunicazione Esercito Italiano

 
 



Hai trovato interessante questo articolo? Segnalalo!
Digg!Del.icio.us!Google!Facebook!Technorati!Furl!Yahoo!