L'UNICEF premia l'Aeronautica Militare per l'impegno nel salvare vite umane
Tuesday 19 December 2017
In occasione della ricorrenza della Madonna di Loreto, Patrona dell’Aeronautica Militare e di tutti gli aeronauti, presso l’hangar dell’aeroporto di Sigonella, l’UNICEF ha consegnato all’Aeronautica Militare un riconoscimento con la seguente motivazione: “All’Aeronautica Militare per l’altissima professionalità e il profondo senso di umana solidarietà nell’individuare e soccorrere i migranti in pericolo, riducendo i rischi, che talvolta si tramutano in tragici episodi, soprattutto per i più piccoli e indifesi”.
Il riconoscimento, consistente in un blocco di pietra lavica dell’Etna, finemente ceramicato dal maestro Barbaro Messina, e che recava alla base la targhetta con la motivazione, è stato consegnato al colonnello pilota Francesco Frare, comandante del 41° Stormo, alla presenza delle autorità militari e civili di Catania e Siracusa, del personale e degli enti aeronautici della Sicilia Orientale, dal Vincenzo Lorefice, Presidente del Comitato Provinciale di Catania per l’UNICEF.
Lorefice, nell’esprimere, a nome dell’UNICEF e suo personale, profonda gratitudine a tutto il personale che, come quello del 41° Stormo, spesso opera in prima linea nel salvaguardare la vita dei bambini e dei cittadini senza confini, nel suo appassionato intervento ha voluto ricordare che “quei bambini hanno lasciato le loro case, in fuga da persecuzioni, conflitti armati, sfruttamento, malattie, povertà, fame: sono bambini in fuga, sono bambini in pericolo”.
 
 
 
“Noi dell’UNICEF siamo presenti all’inizio, durante e alla fine del loro difficile viaggio. Nei loro paesi di origine lavoriamo per rafforzare i sistemi di protezione dell'infanzia e per affrontare le cause delle migrazioni, durante gli spostamenti, offriamo loro aiuti di ogni genere e protezione, specialmente quando non hanno una famiglia che può farlo, e nei paesi di arrivo, dove promuoviamo l'attuazione dei principi generali della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, chiedendo alle istituzioni di tutelare l'interesse superiore del minorenne e garantire a tutti i bambini la stessa tutela, indipendentemente dalla loro nazionalità e da quella dei loro genitori o dallo status di migrante”. Ha spiegato Lorefice.
Nel suo intervento il comandante Frare ha sottolineato che “la ricerca ed Il soccorso in mare è uno dei compiti dell’Aeronautica Militare che viene espletato da vari reparti tra cui il 41° Stormo. Punto focale per la riuscita della missione è il grande valore ed impegno che gli uomini e le donne della forza armata profondono nel loro lavoro”.
L’attività di soccorso aereo alla popolazione civile è una della capacità duali che l'Aeronautica Militare, in concorso con le altre forze armate, mette quotidianamente a disposizione della collettività nei casi di pubblica utilità o in occasione di calamità operando sempre in stretta sinergia e a supporto delle diverse agenzie e corpi dello Stato impegnati nei soccorsi a terra e in volo. Ultimi in ordine di tempo sono stati gli interventi realizzati in occasione dell’esondazione del torrente Enza in Emilia Romagna salvando, nelle prime 24 ore, 52 persone con elicotteri HH139 e HH101. Inoltre è stato effettuato il soccorso di un passeggero di nazionalità coreana colpito da ischemia a bordo di una nave da crociera che si trovava a largo della costa sarda.
 
 
 

Redattore: Carlo Dedoni

Fonte della notizia: Ufficio di Pubblica Informazione Aeronautica Militare

 
 
 



Hai trovato interessante questo articolo? Segnalalo!
Digg!Del.icio.us!Google!Facebook!Technorati!Furl!Yahoo!