Lockheed Martin soddisfa gli obiettivi di consegna dell’F-35 per il 2017
Tuesday 19 December 2017
lockheed_martin_f-35_lightning_ii_formazione_grande.jpg
Lo scorso 15 dicembre Lockheed Martin ha consegnato il sessantaseimo velivolo F-35 dell’anno, rispettando gli obiettivi di consegna per il 2017. Ad oggi, più di 265 F-35 velivoli sono stati consegnati agli Stati Uniti e ai clienti internazionali. Oltre 530 piloti e circa 5.000 addetti alla manutenzione si sono qualificati per operare con l’F-35, e la flotta di velivoli ha superato le 115.000 ore di volo.
“Il rispetto degli impegni di consegna per il 2017 è una testimonianza del duro lavoro e dell’impegno del team congiunto governo-industria per consegnare alle forze armate un sistema aereo con caratteristiche così innovative,” ha commentato il vice presidente esecutivo di Lockheed Martin e general manager del programma F-35 Jeff Babione. “Il team continua a superare le sfide poste dal programma e il raggiungimento di questo obiettivo dà ai nostri clienti fiducia nella capacità del programma F-35 di soddisfare le esigenze di produzione che stanno aumentando di anno in anno”.
I 66 F-35 consegnati nel 2017 rappresentano un aumento del 40% rispetto al 2016, e il programma F-35 è pronto ad accrescere il rateo di produzione anno dopo anno fino al raggiungimento di una produzione di circa 160 velivoli annui nel 2023.

 
 
Insieme all’aumento della produzione e all’implementazione di altri miglioramenti, Lockheed Martin punta a ridurre il costo dell’F-35A a 80 milioni di dollari entro il 2020. Grazie all’esperienza acquisita, l’efficientamento del processo, l’automazione della produzione, il miglioramento dello stabilimento e degli strumenti, le iniziative relative alla supply chain e altro, il programma F-35 ha già notevolmente ridotto i costi e raggiunto una maggiore efficienza. Ad esempio il costo dell’F-35A è sceso del 60% rispetto al primo contratto, il tempo-lavoro necessario per ogni velivolo si è ridotto del 75% negli ultimi cinque anni, il tempo di produzione è diminuito del 20% circa dal 2015.
Per prepararsi all’aumento di produzione, Lockheed Martin ha assunto oltre 1.300 lavoratori per lo stabilimento di Fort Worth, in Texas, a partire da gennaio 2017, e prevede di assumere un totale di 1.800 persone, come annunciato in precedenza. Migliaia di uomini e donne partecipano alla produzione dell’F-35 negli Stati Uniti e in tutto il mondo. Con i 1.400 fornitori provenienti da 46 stati americani e da Puerto Rico, il programma sostiene più di 170.000 posti di lavoro diretti e indiretti negli Stati Uniti e genera un impatto economico annuale stimato intorno ai 24 miliardi di dollari. Anche più di 100 fornitori internazionali prendono parte al programma, tra cui l'italiana Leonardo, contribuendo a creare o sostenere migliaia di posti di lavoro a livello internazionale.
 
 
 

Redattore: Elisabetta Puggioni

Fonte della notizia e foto: Ufficio Stampa Lockheed Martin

 
 




Hai trovato interessante questo articolo? Segnalalo!
Digg!Del.icio.us!Google!Facebook!Technorati!Furl!Yahoo!