Nel fine settimana tre missioni salvavita per uomini e mezzi dell'Aeronautica Militare
Tuesday 30 January 2018
Venerdì 26 gennaio, un neonato di appena undici giorni in imminente pericolo di vita è stato trasportato d’urgenza dall'aeroporto di Cagliari all'aeroporto militare di Ciampino a bordo di un Falcon 50 del 31° Stormo dell’Aeronautica Militare.  Il piccolo paziente, protetto in una culla termica, è stato poi trasferito in ambulanza a Roma per essere ricoverato nell’ospedale “Bambino Gesù” di Roma.
La richiesta di trasporto, come accade in questi casi, è pervenuta dalla Prefettura di Cagliari alla Sala Situazioni di Vertice del Comando della Squadra Aerea, la sala operativa dell'Aeronautica Militare che ha tra i propri compiti quello di organizzare e gestire questo genere di trasporti su tutto il territorio nazionale in coordinamento, appunto, con le Prefetture. 
La Sala Situazioni di Vertice ha quindi attivato un Falcon 50, uno degli assetti che la forza armata tiene pronti 24 ore su 24 per questo genere di necessità. Verso le 16:50 il velivolo è decollato dall’aeroporto di Ciampino, sede del 31° Stormo, in direzione dell’aeroporto di Cagliari, dove è stata imbarcata la culla termica con il piccolo paziente, accompagnato dalla madre e da un’equipe medica per l’assistenza durante il volo.
Ripartito dalla città sarda, verso le 19:20 l’aereo è atterrato nell’aeroporto di Ciampino, dove la culla termica è stata trasferita sull’ambulanza per il successivo trasporto all’ospedale “Bambino Gesù”.
 
 
 
Sempre venerdì, nella tarda mattinata, un uomo in difficoltà nelle acque al largo di Terracina (Latina) è stato salvato da due sommozzatori dell’Aeronautica Militare che si trovavano nella zona, insieme ad altro personale della forza armata, per partecipare alle operazioni di pulizia del fondale a seguito dell’incidente aereo avvenuto lo scorso 24 settembre. Su segnalazione della Capitaneria di Porto, il team dell’Aeronautica Militare ha prontamente inviato l’imbarcazione a propria disposizione per prestare soccorso all’uomo in difficoltà. Raggiunto dal natante, l’uomo, che era in evidente stato di ipotermia e confusione, ha opposto resistenza al soccorso.
A questo punto due sommozzatori presenti sull’imbarcazione, entrambi qualificati in materia di sopravvivenza in mare, si sono tuffati in acqua per recuperare l’uomo e portarlo a bordo dell’imbarcazione, dove insieme ad altro personale della forza armata hanno poi prestato le prime forme di assistenza. Portato a riva, dove erano state allertate le forze dell’ordine, l’uomo è stato poi trasferito su un’ambulanza attivata anch’essa dalla Capitaneria di Porto, a bordo della quale è stato trasportato in un ospedale della zona.
Infine, sabato 27 gennaio, una donna in imminente pericolo di vita è stata trasportata d’urgenza da Palermo a Genova a bordo di un Falcon 900 del 31° Stormo per essere ricoverata nell’Istituto “Giannina Gaslini". La richiesta di trasporto è pervenuta dalla Prefettura di Palermo alla Sala Situazioni di Vertice del Comando della Squadra Aerea. Poco prima delle 16:00 il velivolo militare è decollato dall’aeroporto di Ciampino, sede del 31° Stormo, in direzione di Palermo, dove è stata imbarcata la paziente insieme ad alcuni familiari e ad un’equipe medica per l’assistenza durante il volo.
Ripartito dalla città siciliana, alle 17:00 circa, il Falcon 900 è atterrato nell’aeroporto di Genova, da dove la paziente è stata trasferita in ambulanza all’Istituto “Gaslini”.
Missioni di questo tipo necessitano della massima tempestività. Attraverso i suoi Reparti di volo, l’Aeronautica Militare mette a disposizione mezzi ed equipaggi pronti a decollare in qualunque momento e in grado di operare in qualsiasi condizione meteorologica per assicurare il trasporto urgente non solo di persone in imminente pericolo di vita, come accaduto oggi, ma anche di organi ed equipe mediche per trapianti. Sono migliaia ogni anno le ore di volo effettuate dai velivoli del 31° Stormo di Ciampino, del 14° Stormo di Pratica di Mare e della 46a Brigata Aerea di Pisa, assetti sempre in prima linea in caso di emergenza.
 
 
 

Redattore: Carlo Dedoni

Fonte della notizia: Ufficio di Pubblica Informazione Aeronautica Militare

 

 
 




Hai trovato interessante questo articolo? Segnalalo!
Digg!Del.icio.us!Google!Facebook!Technorati!Furl!Yahoo!